come funziona la marcatura laser

Come funziona la marcatura laser

La marcatura laser è il processo di marcatura di parti o pezzi in lavorazione utilizzando la tecnologia laser. 

Un raggio laser colpisce il materiale e la sua energia crea una reazione che lascia un segno indelebile. 

La velocità, la potenza e la messa a fuoco del raggio laser sulla parte porteranno a diversi processi laser. 

È possibile contrassegnare utilizzando incisione laser, incisione laser, ricottura laser o ablazione laser.

La scelta della giusta tecnologia e configurazione laser è la chiave per marcare con successo le tue parti. 

Per determinare ciò di cui hai bisogno, devi prima definire i requisiti dell’applicazione e poi affidarti ad aziende specializzate come lasit.it. Ciò include informazioni come:

  • il materiale, le dimensioni e la geometria della parte
  • il tempo di marcatura disponibile
  • il tuo processo di produzione

Continua a leggere per scoprire come questi requisiti aiuteranno a determinare il sistema laser, la potenza e il processo necessari per la marcatura laser.

Tutti i materiali hanno uno spettro di assorbimento

Tutti i materiali hanno uno spettro di assorbimento

Le lunghezze d’onda emesse dalla maggior parte dei sistemi laser industriali non possono essere viste ad occhio nudo, quindi sono difficili da immaginare. 

Tuttavia, materiali diversi reagiscono in modo diverso a lunghezze d’onda diverse.

Ogni materiale ha una composizione unica che assorbe determinate lunghezze d’onda e non altre. 

Poiché i laser producono una singola lunghezza d’onda, sono strumenti altamente specializzati per la marcatura di materiali molto specifici. 

Materiali diversi hanno quindi requisiti laser diversi.

A seconda del materiale, avrai bisogno di un sistema laser in fibra o di un sistema laser CO2.

I sistemi laser a fibra e CO2 producono lunghezze d’onda diverse

I sistemi laser a fibra e CO2 producono lunghezze d'onda diverse

I vari tipi di laser emettono lunghezze d’onda differenti in base al loro mezzo di guadagno, un componente della sorgente laser. 

Il materiale che marcerai determinerà il tipo di sistema di marcatura laser di cui hai bisogno.

I sistemi laser a fibra sono i migliori per la marcatura dei metalli

I sistemi laser a fibra sono talvolta considerati laser a stato solido. 

Hanno una sorgente laser che include una fibra ottica che contiene un metallo delle terre rare come l’itterbio. 

Producono luce laser su una lunghezza d’onda di circa 1 micrometro (1064 nm). 

La maggior parte dei metalli reagisce bene con la marcatura laser in fibra.

marcatura dei metalli e materiali organici

I sistemi laser a stato gassoso sono i migliori per la marcatura di materiali organici

 

I sistemi laser a stato gassoso hanno una sorgente laser che include gas. 

I laser a gas più conosciuti sono i laser a CO2. 

Questi sistemi di marcatura laser possono produrre luce laser su lunghezze d’onda che vanno da 9 micrometri a 10,2 micrometri (9.000-12.000 nm). 

La maggior parte dei composti organici reagisce bene con queste lunghezze d’onda. 

Ma a differenza dei sistemi laser in fibra, i metalli reagiscono male con queste lunghezze d’onda.

Ogni processo di marcatura laser offre diverse possibilità

Ogni processo di marcatura laser offre diverse possibilità

La tua applicazione determinerà il processo di marcatura laser di cui hai bisogno. 

Ad esempio, potrebbe essere necessario creare segni altamente resistenti che non possono essere cancellati. 

Oppure, potrebbe essere necessario adattare il processo di marcatura entro un tempo di ciclo specifico.

 

Per scegliere un processo laser, è necessario comprendere le proprie esigenze e il proprio processo di produzione.

Il processo di incisione laser viene utilizzato per ottenere marcature resistenti

L’incisione laser incide i segni in profondità nel materiale disintegrando parte del materiale in polvere.

Ad esempio, le macchine per incisione laser possono essere utilizzate per la marcatura VIN, che in genere richiede marcature profonde che garantiscono la durata e prevengono la falsificazione. 

Possono essere utilizzati anche per segni che devono essere resistenti a post trattamenti aggressivi come la granigliatura.

marcature laser resistenti

L’incisione laser è per marcature ad alta velocità e ad alto contrasto

L’incisione laser viene solitamente utilizzata quando il processo di marcatura laser deve essere il più veloce possibile per integrare una linea di produzione. 

Questa tecnologia fonde la superficie del materiale quasi istantaneamente, creando urti alti e bassi sulla superficie del materiale.

Ciò crea, ad esempio, segni in bianco e nero ad alto contrasto.

La ricottura laser viene utilizzata per proteggere i materiali che non devono essere danneggiati

La ricottura laser provoca un cambiamento chimico sotto la superficie del materiale.

Niente viene disintegrato, niente viene spostato e niente si scioglie. 

È una delle poche soluzioni per la marcatura dell’acciaio inossidabile, la cui superficie deve rimanere inalterata dal marchio. 

La ricottura laser viene utilizzata anche per applicazioni estetiche come i loghi. 

Sebbene più lento di altri processi di marcatura laser, crea la più bella finitura superficiale.

vantaggi della marcatura laser

L’ablazione laser può essere utilizzata per marcare rimuovendo i rivestimenti

L’ablazione laser crea un segno rimuovendo dalla superficie qualcosa di diverso dal materiale (tipicamente vernice). 

Parte della vernice può essere rimossa per contrassegnare un identificatore come un codice a barre. L’ablazione laser è la stessa cosa della pulizia laser. 

L’unica differenza è l’applicazione: l’obiettivo è segnare, non pulire. 

In alcuni casi, l’ablazione laser è la soluzione di marcatura laser più veloce. 

Ad esempio, rimuovere la vernice è più veloce che marcare l’acciaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.